Regione Emilia-Romagna

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 29.03.2020 - OPZIONE DI VOTO IN ITALIA PER ELETTORI RESIDENTI ALL'ESTERO

Pubblicata il 03/02/2020

Con il DPR 28 gennaio 2020 è stato indetto  per il giorno di domenica 29 marzo 2020 il referendum popolare, ai sensi dell’articolo 138, secondo comma, della Costituzione, confermativo del testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” pubblicato nella Gazzetta ufficiale – Serie Generale n. 23 del 29.01.2020
Per il referendum succitato gli elettori italiani residenti all'estero, ai sensi della legge 27 dicembre 2001 n. 459 e del DPR 2 aprile 2003 n. 104, votano per corrispondenza.
La predetta normativa fa comunque salva la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione.

L’opzione è valida solo per una consultazione elettorale. Conseguentemente la scelta di votare in Italia eventualmente espressa in occasione di precedenti consultazioni ha esaurito ogni efficacia.
Il suddetto diritto di optare per il voto in Italia, ai sensi degli artt. 1, comma 3, e 4 della legge n. 459/2001 nonché dell’art. 4 del D.P.R. n. 104/2003, può essere esercitato entro il 10° giorno successivo all’indizione del referendum (a decorrere dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione) e cioè entro il prossimo 8 febbraio 2020, anche utilizzando il modello allegato 
Il modello di opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all’ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza. Pertanto, qualora esso venga inviato per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio consolare, entro il termine prescritto. L’opzione può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Circ_005_ServElet_30-01-2020_Modopzione.rtf 65.32 KB
torna all'inizio del contenuto